21 Aprile 2024
Letteratura

Alessandro Manzoni, la vita in breve: famiglia, mogli e com’è morto

Alessandro Manzoni è stato uno scrittore, un poeta e un drammaturgo italiano. È nato il 7 marzo 1785 a Milano, in Italia. È cresciuto principalmente a Milano e in alcune località della Lombardia, tra cui Lecco e Lodi. La sua famiglia apparteneva alla borghesia benestante e ha trascorso parte della sua infanzia e adolescenza in diverse case di campagna e case in città. Lo scrittore e poeta era figlio di Pietro Manzoni, un membro della borghesia benestante di Milano, e di Giulia Beccaria, figlia del celebre giurista e filosofo Cesare Beccaria. La famiglia Manzoni era di origine nobiliare con radici lombarde e piemontesi. Di loro si sa che il padre era un uomo d’affari e un collezionista d’arte. La madre era una donna colta e appassionata di letteratura. Lo scrittore aveva, inoltre, dieci fratelli, di cui la maggior parte sono morti in giovane età.

Chi è stato Alessandro Manzoni

Manzoni è considerato uno dei principali rappresentanti della letteratura italiana del XIX secolo e uno dei maggiori esponenti del romanticismo italiano. La sua opera più famosa è di sicuro il romanzo I promessi sposi, uno dei capolavori della letteratura italiana. Il romanzo è stato scritto in un italiano semplice e scorrevole, allontanandosi dal linguaggio letterario colto e arcaico dell’epoca, e ha contribuito a diffondere un italiano standardizzato e a promuovere la lingua italiana come lingua nazionale.

Manzoni è stato anche un membro attivo della vita sociale e politica del suo tempo. Attraverso i suoi scritti e i suoi discorsi, ha espresso le sue idee liberali e patriottiche. È stato anche un convinto cattolico e ha scritto molte opere di carattere religioso. La sua opera letteraria è stata molto apprezzata e ha avuto un’enorme influenza sulla letteratura italiana e sulla cultura italiana in generale.

Alessandro Manzoni: mogli e figli

Il noto scrittore ha avuto ben due mogli: due mogli: Enrichetta Blondel (1791-1833) e Teresa Borri Stampa (1799-1861). Enrichetta è morta nel 1833, lasciando in Manzo un vuoto enorme. Con lei ha trascorso anni felici. Già padre di sette figli, di cui la primogenita Giulia è morta un anno dopo la madre, il poeta ha sposato nel 1973 Teresa.

Alessandro Manzoni riassunto: le sue opere

Alessandro Manzoni ha scritto molte opere durante la sua carriera letteraria, alcune delle quali sono considerate dei classici della letteratura italiana. Ecco le più famose:

  • I promessi sposi (1827), un romanzo storico considerato uno dei capolavori della letteratura italiana. Racconta la storia di due giovani innamorati, Renzo e Lucia, che vivono in Lombardia durante la dominazione spagnola del Seicento e le loro vicende durante la peste del 1630.
  • Il Conte di Carmagnola (1833), una tragedia storica che narra la storia di Francesco Bussone, un condottiero italiano del Quattrocento condannato per tradimento.
  • Adelchi (1822), una tragedia in versi che narra la storia di un principe longobardo del IX secolo, figlio del re Desiderio, che cerca di riconquistare l’Italia.
  • Opere varie (1839-1840), una raccolta di scritti che comprende discorsi, articoli, poesie e traduzioni.
  • Le lettere di Jacopo Ortis (1802) scritto quando Manzoni aveva solo 17 anni è un romanzo epistolare che racconta la storia di un giovane che, deluso dalla vita, decide di suicidarsi.

Queste sono solo alcune delle opere più famose di Manzoni, ma ha scritto molte altre opere tra cui poesie, traduzioni, discorsi e articoli.

Come è morto Alessandro Manzoni

Alessandro Manzoni è morto il 22 maggio 1873 a Milano, in Italia. È morto a causa di una botta presa alla testa, cadendo da uno scalino all’uscita della chiesa di San Fedele di Milano. La caduta gli ha procurato un trauma cranico. Nei giorni seguenti, il poeta aveva notato che stava iniziando a perdere le sue facoltà intellettive lentamente. Alla fine Manzoni è caduto in uno stato catatonico, in cui ha vissuto gli ultimi mesi di vita. A seguito del trauma ha contratto anche una meningite. Il 28 aprile, inoltre, ha dovuto anche sopportare il dolore per la morte del figlio maggiore Pier Luigi.

Il corpo dello scrittore è stato imbalsamato da sette medici. La sua morte è stata molto sentita in tutta Italia. Infatti, ci fu un’ondata di cordoglio e di tributi da parte di amici, colleghi e lettori. La sua tomba si trova al Cimitero Monumentale di Milano. Al suo funerale hanno preso parte le massime autorità dello Stato, tra cui il futuro re Umberto I.

This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *