19 Maggio 2024
Chi è

Uomini e Donne, chi è Elena Brino: età, di dov’è, figli, lavoro

Elena Brino di Uomini e Donne è uno dei volti del Trono Over dell’edizione 2023/2024. Stiamo parlando della dama che ha iniziato una conoscenza con Maurizio Laudicino, mentre quest’ultimo stava frequentando Gemma Galgani. Il cavaliere ha deciso di continuare il suo percorso nel programma di Maria De Filippi solo con Elena, tenendo presente di essere propenso a intraprendere anche altre conoscenze. I due, però, ogni volta che si ritrovano al centro studio subiscono forti attacchi da parte dei presenti, in quanto ci sono dubbi e sospetti su di loro. Ma vediamo insieme chi è Elena, la dama che sta conoscendo Maurizio.

Elena Brino di Uomini e Donne: età, dove vive e i figli

Elena è giunta nel parterre delle dame del Trono Over di Uomini e Donne per conoscere Maurizio Laudicino, infastidendo non poco Gemma Galgani. Mentre con quest’ultima ha deciso di chiudere la conoscenza, il cavaliere con Elena sembra essere sulla strada giusta. Tra loro sono scattati i baci che Gemma tanto desiderava. Per questo sono nati dei sospetti nei confronti dei due. La Galgani ha più volte fatto notare che c’è troppa complicità tra loro e che qualcosa non torna.

Nonostante gli attacchi da parte di Tina Cipollari e Gianni Sperti, Elena Brino continua per la sua strada, assicurando di non avere nulla da nascondere. La dama che sta conoscendo Maurizio del Trono Over ha 53 anni, vive a Campobasso e ha due figlie.

Quale lavoro fa Elena Brino di Uomini e Donne?

Si è parlato nello studio di Canale 5 del lavoro di Elena Brino. Il discorso è uscito fuori nel momento in cui la dama ha affermato di non avere bisogno di visibilità, in quanto ha un lavoro che la rende felice. Non solo, la donna ha assicurato che tutte queste polemiche che la portano al centro studio potrebbero solo causarle problemi nella sua attività lavorative. Single da 4 anni, Elena è un’impiegata in una banca. La dama è molto legata al suo lavoro, dove riconosce di avere una qualità importante: saper creare dei team uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *