28 Maggio 2024
Cos'è

Cosa sono i terremoti? Il riassunto in breve semplificato

Cosa sono i terremoti? Iniziamo questo riassunto arrivando subito al dunque. Un terremoto o sisma rappresenta una serie di velocissime movimenti oscillatori del suolo. Ma perché avvengono queste oscillazioni? Il terremoto dipende dal violento rilascio dell’energia che si è accumulata nella parte sotterranea, nell’ipocentro. L’epicentro è, invece, il punto della terra che si trova sulla verticale dell’ipocentro. Pare da quest’ultimo punto le oscillazioni si diffondono in varie direzioni per via delle deformazioni della roccia, a loro volta causate dalle onde sismiche. Ma vediamo ora insieme il riassunto di tutto quello che c’è da sapere sui terremoti, anche per la scuola primaria.

Riassunto sui terremoti, la spiegazione semplice: come hanno origine?

Il terremoto avviene con una scossa principale, che precede altre di meno intensità. Pertanto si parla di una serie di vibrazioni naturali del suolo. E questo avviene quando viene improvvisamente liberata l’energia dentro la litosfera. L’energia accumulata viene liberata nel momento in cui le rocce si rompono. Questo genera delle onde elastiche, che una volta giunte in superficie riescono a generare le scosse. I terremoti sono, dunque dei fenomeni naturali in cui una parte della crosta terrestre viene scossa. Solitamente un sisma è rapido e dura qualche secondo. Allo stesso tempo, però, è violento e crea danni materiali, oltre che vittime.

Ma quali sono i tipi di terremoto che conosciamo? La classificazione dipende dalla profondità dell’ipocentro:

  • superficiali: quando l’ipocentro è fino a 70 km di profondità;
  • intermedi: quando l’ipocentro è tra i 70 e i 300 km di profondità;
  • profondi: quando l’ipocentro è oltre i 300 km di profondità.

Qual è stato il terremoto più pericoloso al mondo? Quello di Valdivia del 1960 è considerato il sisma più violento. Il Cile quell’anno fu colpito da questo bruttissimo terremoto che ha preceduto uno tsumani, che ha toccato quasi tutte le coste dell’Oceano Pacifico. In Italia il terremoto più forte potrebbe essere stato quello in Sicilia, avvenuto nel lontano 1693, a gennaio. Il sisma aveva toccato una magnitudo di 7,4. Invece, quello più lungo della storia dell’umanità pare sia sempre quello di Valdivia, in Cile. Durò circa 13 minuti e toccò una magnitudo di 9.5. Ma uno dei terremoti più disastrosi che ha provocato più morti nella storia dovrebbe essere quello di Haiti del 2010, il cui bilancio ha toccato circa 300mila vittime, 300mila feriti e 1 milioni di sfollati.

Molti si chiedono perché si sente un boato prima del terremoto. Ebbene c’è una spiegazione anche a questo. Semplicemente si avvertono delle onde acustiche, solitamente vicino all’epicentro, dovute alle onde che viaggiano nella terra. Il suolo che si muove trasferisce delle vibrazioni nell’aria e così si avverte un boato.

Gli animali, soprattutto cani, gatti, volatili e mucche pare riescano a percepire nell’aria la presenza di ioni positivi che vengono rilasciati dalle rocce. In questo modo avvertono prima degli esseri umani che sta arrivando un terremoto.

  • Cos’è l’ipocentro, significato: zona d’origine del terremoto. La sua profondità viene calcolata in base alla differenza dei tempi di arrivo delle onde sismiche. Da questo punto che si trova all’interno della terra inizia a crearsi la frattura che poi genera il sisma.
  • Cos’è l’epicentro, significato: zona più vicina all’origine del terremoto e la più colpita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *