24 Maggio 2024
Film e Serie TVStorie vere

A caccia del vedovo d’oro: storia vera e spiegazione finale

A caccia del vedovo d’oro è un film basato su una storia vera, ovvero a un delitto davvero accaduto. Il film è thriller di Lifetime, diretto da Robyn Hays, e vede protagonista la cameriera Celeste e un uomo milionario, Steven Beard. Improvvisamente la vita di lei e delle sue figlie adolescenti cambia quando sposa il 70enne. Ma essere la moglie del multimilionario sembra non riuscire a soddisfare completamente Celeste, la quale mette in atto un piano per manipolarlo e ucciderlo. La donna è, infatti, interessata solo ai soldi del nuovo marito, sebbene ormai la sua vita sia completamente rivoluzionata tra lusso e armonia. In tutto questo, entra in gioco Tracey Tarlton, un paziente di una struttura psichiatrica in cui si fa ricoverata volontariamente per mettere in atto il suo piano.

A caccia del vedovo d’oro: qual è la storia vera e dov’è oggi Celeste

Il film A caccia del vedovo d’oro si basa sulla storia vera raccontata dalla scrittrice Suzy Spencer nel suo romanzo The Fortune Hunter (La cacciatrice di dote). Questo libro parla del matrimonio del texano Steven Beard con la cameriera Celeste Martinez. Quest’ultima aveva la metà degli anni dell’uomo. Nella realtà, i due si sono incontrati in un club di Austin, in Texas, dove tutto ha preso inizio. Qui Celeste svolgeva il lavoro di cameriera e serviva a Steven cocktail. L’interprete della protagonista, l’attrice Julie Benz (conosciuta per Buffy l’Ammazzavampiri), riesce a rivestire questo ruolo alla perfezione, portando sul piccolo schermo una drammatica vicenda realmente accaduta. Alla fine Celeste è stata condannata all’ergastolo per l’omicidio del marito Steven Beard.

Dove vedere A caccia del vedovo d’oro?

Il film va in onda in televisione nella prima serata del 21 settembre 2023 su Rai 2.

A caccia del vedovo d’oro: il piano di Celeste

come finisce a caccia del vedovo d'oro
Lifetime

Il multimilionario Steven Beard si lascia conquistare da Celeste, una donna attraente che fa la cameriera in un country club di Austin, in Texas, e che ha due figlie adolescenti, Jennifer e Kristina. Come la figlia di Steven, che si chiama Becky, le due ragazze sono abbastanza sospettose sull’interesse che la madre prova nei confronti del 70enne. Siamo nel 1995 e l’uomo decide di sposarla, offrendole di tutto e di più tra auto, case, gioielli e abiti di lusso. Questo, però, non è abbastanza per Celeste, la quale fa in modo di finire in una struttura di salute mentale per la depressione, quando lui si dice pronto a divorziare.

Qui conosce e seduce la paziente Tracey Tarlton, facendola innamorare. Convince quest’ultima che l’unico modo per stare insieme è eliminare Steven. Quando torna a casa, Celeste ritrova la pace con Steven, il quale lascia che lei rinnovi la casa. Intanto, il milionario non è affatto d’accordo che ci sia un’amicizia tra la moglie e Tracey.

A caccia del vedovo d’oro: riassunto della trama

Il film inizia con l’omicidio, ovvero con un uomo che viene ucciso. Celeste e sua figlia Kris si svegliano e scoprono che Steven è morto. Le due raccontano che solitamente dormono in un’altra zona della casa perché lui russava parecchio. Un detective interroga Celeste, mentre Jennifer e il suo ragazzo David credono che sia stato Tracey a sparare a Steven. Infatti, Tarlton è ossessionata da Celeste e farebbe qualsiasi cosa pur di mantenere la loro amicizia. Dopo aver trovato l’arma in casa sua, gli investigatori la portano via. Ed ecco che Tracey confessa di aver tentato di uccidere Steven perché innamorata di Celeste.

Intanto, il milionario affronta un intervento chirurgico e i detective iniziano a interrogarlo. Celeste interrompe tutto, accusandoli di aver tentato di infastidire un uomo in fase di recupero. Dopo di che, afferma di non essere innamorata di Tracey e che la loro amicizia è semplicemente finita male. Le due, però, si incontrano in un parcheggio e si ha la conferma che Celeste sta manipolando la ragazza, facendole credere che la ama. Steven non sopravvive e Celeste dovrebbe ereditare il 50% del suo patrimonio. Successivamente la donna fa una dichiarazione alla stampa e cerca di far passare Tracey come l’assassina.

Come finisce A caccia del vedovo d’oro: spiegazione finale

come finisce a caccia del vedovo d'oro
Lifetime

Verso il finale di A caccia del vedovo d’oro, Tracey organizza la sua difesa per il caso giudiziario, dopo aver raccontato tutto ai media e al suo avvocato. Intanto, Kristina e Jennifer aiutano la madre a preparare il funerale di Steven. Invece Becky accusa Celeste di essere una donna alla ricerca di denaro. Ed ecco che la polizia improvvisamente accusa la protagonista dell’omicidio del marito. Dopo di che, viene rilasciata su cauzione, con l’aiuto dell’avvocato più costoso del Texas. Improvvisamente Celeste minaccia di uccidere se stessa e le sue figlie. Così Kristina le chiede di tornare nella struttura psichiatrica e lei è d’accordo.

Celeste sembra avere ormai tutti contro. Infatti, le figlie iniziano a sospettare di lei e a scavare tra i suoi dati finanziari, trovando polizze assicurative sulla vita stipulate su di loro. Così Kristina e Jennifer vanno a vivere con David. La prima decide anche di andare a trovare in prigione Tracey ed entrambe si rendono conto che Celeste ha manipolato tutti. A questo punto, Jennifer e David chiedono a Kristina di registrare una confessione della madre, così da trovare la prova ufficiale della sua colpevolezza. Intanto, Celeste fa di tutto pur di passare per vittima, buttandosi persino dalle scale.

Avviene così una lotta giudiziaria tra lei e Tracey. Alla fine Kristina e Jessica decidono di testimoniare contro la madre e la prima fa ascoltare la registrazione che ha fatto durante le loro conversazioni. Questo conferma la storia di Tracey. A caccia del vedovo d’oro finisce con Celeste che viene dichiarata colpevole di omicidio capitale e condannata all’ergastolo. Invece, Tracey viene rilasciata nel 2011. Celeste continuerà a dichiararsi innocente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *