28 Maggio 2024
Storie vere

Anna Nicole Smith, la storia vera: causa morte, matrimoni e figli

Dal 15 maggio 2023 è disponibile su Netflix il documentario Anna Nicole Smith, la vera storia. Il suo vero nome è Vickie Lynn Hogan ed è nota per essere stata un’attrice e modella statunitense. Nata a Houston il 28 novembre 1967 è diventata famosa nel 1993 quando è stata nominata Playmate dell’anno. Nel 1994 ha sposato l’89enne James Howard Marshall II, un ricco imprenditore. Quest’ultimo è morto l’anno successivo, lasciandola fuori dal testamento. Una vita segnata da una tragedia quella di Anna Nicole Smith. Infatti, negli ultimi mesi di vita si è ritrovata ad affrontare la morte di suo figlio, il primogenito Daniel, dopo della quale non si è più ripresa.

La storia vera di Anna Nicole Smith: primo marito e primo figlio

Anna Nicole Smith è stata abbandonata dal padre Donald Hogan quando era ancora bambina ed è stata così cresciuta solo dalla mamma e dalla zia. A 15 anni ha deciso di lasciare la scuola e di iniziare a lavorare come cameriera in un ristorante. Qui ha conosciuto Billy Smith, all’epoca cuoco 16enne. I due si sono sposati nel 1985 e insieme hanno avuto un figlio, Daniel, l’anno dopo. Tra loro il matrimonio è durato fino al 1993, anno in cui è avvenuto il divorzio. Per cercare di dare un’infanzia serena al primogenito, Anna Nicole ha iniziato a lavorare prima come commessa e poi come spogliarellista. La svolta è arrivata nel 1992 quando ha posato per la prima volta Playboy, firmando un contratto milionario.

Anna Nicole Smith: il matrimonio con James Howard Marshall

Nel 1991 ha incontrato James Howard Marshall II, che all’epoca aveva ben 89 anni. Secondo quanto Anna Nicole Smith ha raccontato, più volte il ricco imprenditore le ha chiesto di sposarlo ricevendo dei rifiuti. Ed ecco che a 26 anni nel 1994 ha sposato a Houston James. Pare però che i due non abbiano mai neanche convissuto. Questo matrimonio ha generato tante critiche, polemiche e la rabbia del figlio di lui, Pierce Marshall. Nel 1995 Anna Nicole Smith resta vedova, in quanto James Howard Marshall II è morto. Le ha lasciato tutti i suoi averi e l’eredità ha generato una battaglia legale.

I legali di Anna Nicole sostenevano che era stato firmato un contratto prematrimoniale in cui le veniva assegnata metà dell’eredità di Marshall. Ed ecco che nel 2000 un giudice ha riconosciuto parzialmente questo, garantendo alla modella ben 449.754.134 di dollari. L’anno dopo il figlio è ricorso in appello vincendo la causa. Nel 2002 poi alla Smith sono stati concessi 88 milioni di dollari. Nel 2004 la Corte d’appello ha sostenuto che la modella non doveva essere tra gli eredi del ricco imprenditore. Ebbene in questi anni di battaglie legali, Anna Nicole Smith ha ricevuto il sostegno del governo statunitense di Bush, con gli avvocati della Casa Bianca. Alla fine, Anna Nicole non è riuscita a mettere le pani sul patrimonio del marito Marshall, in quanto è morta prima che la causa si fosse conclusa.

Anna Nicole Smith, figli: la morte del primogenito

La storia vera di Anna Nicole Smith ripercorre anche la vita dei suoi figli. Nel 2006 la modella è diventata mamma per la seconda volta, di Dannielynn Hope. Nel corso della gravidanza non ha mai rivelato la vera identità del padre della piccola. Dopo la nascita di Dannielynn, la Smith ha confessato che il papà era il suo avvocato, Howard K. Stern. Quest’ultimo è stato il suo compagno negli ultimi suoi anni di vita. Si sono trasferiti insieme alle Bahamas, dove hanno celebrato un finto matrimonio.

Ed ecco la tragedia. Tre giorni dopo la nascita della sua seconda figlia, il primogenito Daniel è morto a soli 20 anni in circostanze mai effettivamente chiarite. Si pensa che la morte del figlio di Anna Nicole Smith sia avvenuta a causa di un abuso di alcol e droga. Come si può immaginare, la tragedia ha trasportato la modella in una lunga depressione.

Come è morta Anna Nicole Smith: la causa

Dopo circa sei mesi la morte del figlio, l’8 febbraio del 2007, è stata trovata priva di sensi nella sua stanza dell’Hard Rock Cafe and Casino di Hollywood, in Florida. Anna Nicole Smith è morta in ambulanza, mentre veniva trasportata verso il Memorial Regional Hospital. Le cause del decesso sono rimaste misteriose per qualche settimana. Alla fine le autorità hanno dichiarato in via ufficiale che la Smith è morta a causa di un collasso avvenuto dopo aver ingerito almeno nove sostanze diverse, che utilizzava per combattere depressione, dolori e insonnia. Intanto, sono così state smentite le indiscrezioni che parlavano di suicidio e complotto per il suo omicidio.

Anna Nicole Smith, la figlia oggi: cosa fa Dannielyn Hope

Solo dopo la morte è uscito fuori chi è davvero il padre della seconda figlia di Anna Nicole Smith. Attraverso un test di paternità è stato dimostrato che il papà della figlia Dannielyn Hope è il fotografo Larry Birkhead, il quale è stato un amante dell’attrice nel 2005 e nel 2006. Quest’ultimo, ancora prima della morte della modella, aveva già dichiarato di essere il padre biologico della bambina.

Quando è morta sua mamma, Dannielyn Hope era solo una bambina (aveva solo 5 mesi). Oggi la secondogenita ha 17 anni e vive nel Kentucky. L’adolescente è cresciuta insieme al padre Larry Birkhead. Si dice che la seconda figlia di Anna Nicole Smith abbia eredito una bella eredità, che ovviamente non potrà mai sostituire la presenza di una mamma.

Dannielyn con il padre Larry hanno sempre evitato le luci dei riflettori per la maggior parte del tempo. Solo di recente è uscito fuori che la ragazzina è pronta a farsi conoscere. Secondo quanto riporta il Daily Mail, è una bravissima musicista e sogna di diventare una professionista. Scendendo nel dettalio, suona la chitarra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *