28 Maggio 2024
Film e Serie TVStorie vere

A Small Light su Disney+: la storia vera di Miep Gies

Dal 2 maggio 2023 è disponibile su Disney+ la nuova serie TV A Small Light. Prodotta da ABC Signature e Keshet Studios e targata National Geographic, la serie racconta la storia vera di Miep Gies. Si tratta della giovane donna che con coraggio ha aiuto molti ebrei perseguitati dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Tra questi anche la famiglia Frank. La serie TV A Small Light su Disney+ è composta da otto episodi. National Geographic ha voluto far conoscere al pubblico una storia che vede una giovane donna che è riuscita a fare la differenza, in un periodo storico dove non era di certo semplice aiutare i più deboli.

A Small Light: trama e cast della serie TV di Disney+

La trama di A Small Light ruota intorno a Miep Giles, una ragazza molto giovane e altrettanto coraggiosa che accetta di nascondere Otto Frank e la sua famiglia dai nazisti. Per ben due anni, insieme al marito Jan e ad altri personaggi, la protagonista protegge le famiglie Frank, van Pels e Pfeffer, in un alloggio segreto. Una serie TV avvincente e imperdibile!

storia vera di miep gies di a small light
Disney+

Il cast di A Small Light è composto da Bel Powley nel panni di Miep Giles, Liev Schreiber nel ruolo di Otto Frank, Joe Cole nelle vesti di Jan, Amira Casar nel ruolo di mamma Edith Frank, Billie Boullet nel ruolo di Anna Frank, Ashley Brooke nelle vesti della sorella maggiore Margot. Vi segnaliamo anche la presenza di Andy Nyman nei panni di Hermann van Pels, Caroline Catz nel ruolo di Auguste van Pels, Rudi Goodman nelle vesti di Peter van Pels e Noah Taylor nel ruolo del dottor Fritz Pfeffer. E ancora il cast è composto da Eleanor Tomlinson nel ruolo della migliore amici di Miep (Tess), Sally Messham nei panni di Bep Voskuijl, Ian McElhinney nel ruolo di Johannes Kleiman, Nicholas Burns nelle vesti di Victor Kugler, Liza Sadovy nel ruolo della signora Stoppelman, Laurie Kynaston nelle vesti di Casmir e Sebastian Armesto nel ruolo di Max Stoppelman.

Chi era Miep Gies: la storia vera

Miep Gies è nata come Hermine Santrouschitz a Vienna, in Austria. Nel 1920 si è trasferita nei Paesi Bassi per fuggire alla penuria di cibo dell’Austria. Ancora una bambina, è stata adottata da una famiglia già composta da cinque bambini. Due anni dopo tutti insieme si sono trasferiti ad Amsterdam, dove Miep ha completato gli studi. In un magazzino tessile, dove inizialmente ha trovato lavoro, ha conosciuto Jan Gies, con cui ha intrapreso una relazione amorosa. Ed ecco che nel 1933 ottiene un colloquio di lavoro con Otto Frank nella sua azienda Opekta. Miep è stata assunta come impiegata nel banco informazioni e poi è stata promossa con un lavoro in dirigenza.

Miep Gies è diventata subito un’amica della famiglia Frank, insieme a Jan con cui è convolata a nozze il 16 luglio 1941. Ebbene questa coraggiosa donna ha aiutato la famiglia Frank e altre quattro persone a nascondersi, proteggendole dai nazisti. Ed è stata proprio lei a nascondere il famoso diario di Anna Frank dopo la deportazione.

storia vera di miep gies di a small light
Disney+

Precisamente con suo marito e i suoi colleghi, Miep ha tenuto nascosti le famiglie Frank e van Pels e il dottore Fritz Pfeffer nell’Alloggio Segreto. Si trattava di un appartamento segreto a due piani, in cui si accedeva attraverso una libreria. Nonostante rischiavano parecchio, Miep e i suoi ‘alleati’ non hanno esitato un attimo ad aiutare questi ebrei a nasconderli dalla furia nazista. Purtroppo il 4 agosto 1944 una persona anonima ha riferito alla Gestapo quanto stava accadendo. Così tutti questi rifugiati ebrei sono stati arrestati.

Miep Gies ha trovato il diario di Anna Frank e l’ha nascosto in uno scrittoio per quando la ragazzina sarebbe tornata. Quando la guerra è finita, però, la donna ha ricevuto la conferma della morte di Anna nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. Così, Miep ha deciso di consegnare il tutto all’unico sopravvissuto della famiglia, ovvero Otto Frank. Quest’ultimo ha pubblicato fogli e taccuini, raccogliendoli in un unico diario, nel 1947.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *