28 Maggio 2024
Film e Serie TVStorie vere

Attentato alla maratona di Boston: la storia vera

Dal 12 aprile 2023 è disponibile su Netflix la docuserie American Manhunt, che racconta l’attentato alla maratona di Boston. La nota piattaforma di streaming online ha lanciato il documentario storico che ripercorre con immagini e interviste esclusive quanto accaduto sulla tragedia del 15 aprile 2013 avvenuta alle ore 20.49 nella città degli Stati Uniti. Queste ricostruzioni permettono di scoprire nuovi dettagli su quanto accaduto e sui due fratelli che hanno causato tutto. Infatti, la docuserie American Manhunt – L’attentato alla maratona di Boston ripercorre purtroppo una storia realmente accaduta. Gli attentatori sono stati Džochar e Tamerlan Tsarnaev, i quali hanno ucciso 3 persone e ferito gravemente 260.

Storia vera attentato alla maratona di Boston: la docuserie American Manhunt

I due fratelli di origine cecena Džochar e Tamerlan la sera del 15 aprile 2013 hanno seminato il terrore provocando un attentato durante la maratona di Boston. Che fine hanno fatto i due attentatori? La Corte suprema americana nel 2022 ha deciso di ripristinare la pena di morte per Džochar Tsarnaev, che insieme al fratello ha causato la tragedia del 2013 negli Stati Uniti. Un’esplosione che ha causato feriti gravi. Tamerlan Tsarnaev, che era il maggiore dei due fratelli, è morto durante una sparatoria con gli agenti della polizia quache giorno dopo l’attentato alla maratona di Boston. Nel 2020 l’ex presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump aveva chiesto il ripristino della pena capitale. Con Jon Biden i giudici hanno stabiliti che la corte d’appello aveva fatto un errore respingendo la condanna a morte.

Attentato alla maratona di Boston: cosa è successo

Il 15 aprile 2013, durante la maratona di Boston sono esplosi due ordigni rudimentali, che i due fratelli avevano portato sul posto. L’esplosione ha causato la morte di 3 persone, tra cui un bambino di 8 anni, e più di 200 feriti. La prima bomba è scoppiata vicino al traguardo, l’altra lungo il percorso. Attraverso lo studio dei filmati registrati dalle telecamere e tramite delle interviste di vari testimoni sono stati identificati come responsabili i due fratelli Tsarnaev.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *