28 Maggio 2024
Chi è

Chi è Angelo Duro: da Le Iene al sold out a teatro

Chi è Angelo Duro? Sale sul palco del Teatro dell’Ariston durante la seconda serata del Festival di Sanremo 2023 per coinvolgere ancora una volta il pubblico con la sua ironia. Nato a Palermo il 20 agosto 1982, è un personaggio televisivo italiano. Comico e scrittore, è stato un volto de Le Iene. Proprio il programma in onda nella prima serata di Italia 1 ha fatto conoscere al meglio la personalità di Duro. Nella trasmissione Mediaset ha svolto il ruolo di inviato e anche protagonista di Nuccio Vip e Il cantante senza pubblico. Angelo si è fatto conoscere nei teatri e nei cinema italiani, oltre che con il suo libro.

Angelo Duro chi è: la carriera in TV e a teatro

Tra i suoi ospiti, Amadeus accoglie sul palco del Festival di Sanremo 2023 Angelo Duro. Il colpo di scena nella sua carriera avviene nel 2010 quando viene notato da Davide Parenti, autore de Le Iene, durante un’esibizione. Viene così ingaggiato per prendere parte a una delle trasmissioni più note di Italia 1. Il comico viene ricordato da molti telespettatori Mediaset proprio per il suo ruolo di inviato all’interno dello show. Rimane nel team de Le Iene dall’anno 2010 al 2015. La TV non è l’unico spazio che accoglie per anni Duro, il quale fa il colpo a teatro. Con il suo spettacolo Perché mi stai guardando? nel 2017 ottiene sold out nei teatri di tutta Italia, ad esempio nelle città di Milano, Torino, Napoli, Roma e Palermo.

Angelo Duro si dedica anche al mondo della scrittura nel corso della sua carriera. Nel 2018 pubblica il suo primo libro Il piano B, edito da Mondadori. Due anni prima la pubblicazione del romanzo e un anno dopo la fine della sua esperienza nel programma di Italia 1, il comico approda al cinema sotto la regia di Fabio De Luigi con il film Tiramisù del 2016. Nel 2020 porta su Italia 1 il suo spettacolo Perché mi stai guardando? e continua a lavorare nei teatri. In particolare, dal 2020 al 2022 si dedica a Da Vivo. Invece, nel 2022 porta lo spettacolo Sono cambiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *