28 Maggio 2024
Film e Serie TVStorie vere

Miracolo a città del Capo, storia vera: Barnard, Lisa e Washkansky

Miracolo a città del Capo è ispirato a una storia vera. Si tratta di un film, in onda domenica 9 luglio 2023 in prima serata su Canale 5, che racconta il primo trapianto al cuore effettuato dal dottor Christiaan Barnard. Contro ogni pregiudizio, un uomo e una donna decidono di mettere in pratica questa operazione chirurgica assai delicata. Il film del 2022 è diretto da Franziska Buch. La storia è ispirata a fatti realmente accaduti, vediamone insieme tutti i dettagli.

Miracolo a Città del Capo: la trama del film

Siamo a Città del Capo nel 1967 e sta avvenendo il primo trapianto al cuore. Prima di assistere a questo momento cruciale, la trama prende inizio con Lisa Scheel, interpretata da Sonja Gerhardt. Quest’ultima è un’ambiziosa dottoressa che vive a Francoforte e che tenta di contrastare l’ambiente maschilista nel suo settore lavorativo. Suo padre, il Professor Kohlfeldt, non l’ha mai riconosciuta ed è un noto cardiochirurgo. Lisa sogna di poterlo un giorno affiancare, ma ogni tentativo appare come un fallimento. Così si prende di coraggio e decide di trasferirsi a Città del Capo, la capitale del Sudafrica.

miracolo a città del capo la vera storia
Producers at Work Film

Nel corso della trama del film Miracolo a Città del Capo, Lisa si reca dal dottor Christiaan Barnard, interpretato da Alexander Scheer. A lui fa sapere i risultati ottenuti dalle ricerche del padre per effettuare il primo trapianto di cuore umano. In segreto ad affiancare questi due dottori c’è Hamilton Naki, interpretato da Loyiso Macdonald. Quest’ultimo, in quanto è un uomo di colore, non può esercitare il lavoro di medico per via della segregazione razziale in Sudafrica. Ed ecco che non appena arriva il cuore di una giovane donatrice, i tre si dicono pronti a eseguire questa delicata operazione chirurgica.

La vera storia di Miracolo a Città del Capo

miracolo a città del capo la vera storia
Producers at Work Film

Il 3 dicembre del 1967 Christiaan Barnard effettuò a Città del Capo il primo trapianto di cuore umano della storia. La donatrice era una ragazza di 25 anni, in stato di morte celebrare. Mentre a ricevere il cuore fu Louis Wasgkansky, il quale era uno sportivo lituano di 54 anni che soffriva di un male cardiaco, oltre che di diabete. Il braccio destro di Barnard fu Hamilton Naki e, come accade nel film, operò in gran segreto per via delle leggi razziali. L’operazione avvenne nelle prime ore del mattino di domenica 3 dicembre 1967. Barnard fu affiancato anche dal fratello Marius Barnard, con un team di 30 membri. L’operazione durò circa 5 ore.

Il celebre medico rivelò a Washkansky e a sua moglie Ann che il trapianto aveva una probabilità di successo dell’80%. Nota è divenuta in seguito la sua frase:

“Per un moribondo non è una decisione difficile perché sa di essere alla fine. Se un leone ti insegue sulla riva di un fiume pieno di coccodrilli, salterai in acqua, convinto di avere la possibilità di nuotare dall’altra parte”

La donatrice si chiamava Denise Darval, la quale si trovava in stato di morte celebrale a causa di un incidente avvenuto il 2 dicembre 1967 a Città del Capo.

Miracolo a Città del Capo: che fine fece Louis Washkansky

Louis Washkansky è il primo uomo ad aver ricevuto un trapianto al cuore. Cosa gli accadde dopo tale intervento chirurgico a Città del Capo? La storia vera ci dice che l’uomo visse solo per 18 giorni. Infatti, morì a causa di una polmonite, dovuta probabilmente ai farmaci immunosoppressori che stava assumendo. Dopo il trapianto, Washkansky riuscì a parlare con piena consapevolezza a sua moglie Ann, prima di morire.

Ci fu un secondo paziente operato da Barnard con un trapianto al cuore. Si tratta di Philip Blaiberg, il quale dopo l’intervento riuscì a sopravvivere per un anno e mezzo. Tale operazione fu eseguita all’inizio del 1968.

Miracolo a Città del Capo: che fine ha fatto Christiaan Neethling Barnard

Christiaan Barnard è stato un chirurgo sudafricano, conosciuto a livello mondiale proprio per aver eseguito questo primo trapianto di cuore della storia. Trascorse i suoi ultimi anni di vita in Austria. Qui aveva fondato la Christiaan Barnard Foundation, che aveva come scopo quello di aiutare i bambini di tutto il mondo. Inoltre, trascorse molto tempo nella fattoria della sua città natale, Beaufort West. Barnard è morto a causa di un attacco acuto di asma a Pafo (Cipro), dove si trovava in vacanza, il 2 settembre 2001. Inizialmente si parlava di un attacco cardiaco, ma poi tale notizia è stata smentita dall’autopsia.

Miracolo a Città del Capo: che fine ha fatto Hamilton Naki

Hamilton Naki affiancò Bernard durante il primo trapianto di cuore umano della storia. La sua presenza fu tenuta segreta inizialmente per via delle leggi razziali del posto. Nonostante questo, Naki è riuscito a ottenere negli anni diversi riconoscimenti ufficiali nel campo della cardiochirurgia. Hamilton è morto a Città del Capo il 29 maggio 2005 a 79 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *