25 Aprile 2024
Chi èFilm e Serie TVStorie vere

Brian Banks chi è: ecco la vera storia del film La partita della vita

Brian Banks – La partita della vita è un film biografico del 2018 diretto da Tom Shadyac. Lo scopo della pellicola è quello di ripercorrere la vera storia dell’ex giocatore di football americano statunitense che è stato falsamente accusato di stupro da una conoscente. Brian Banks è stato condannato a 5 anni di carcere dopo tali accuse. Ma vediamo insieme la vera storia e come finisce il film La partita della vita.

Chi è Brian Banks: la vera storia

Brian Banks è un ex giocatore di football americano, nato a Los Angeles il 24 luglio 1985. Sulla sua storia è stato realizzato il film biografico Brian Banks – La partita della vita, che in onda su Rai Movie il 7 luglio 2023. L’ex sportivo era considerato una stella del football durante le scuole superiori in California. Aveva raggiunto un accordo per entrare nella prestigiosa University of Southerm California. Ma ecco che è stato accusato falsamente di stupro da una sua compagna di classe. Per questo motivo, si è ritrovato a trascorrere ben cinque anni in carcere. La sentenza è stata annullata nel 2012, quando la presunta vittima è stata registrata mentre ammetteva di aver inventato una storia falsa.

Brian Banks uscito di prigione ha tentato di riprendere in mano la sua carriera nel mondo del football. Quello stesso anno ha firmato con la squadra Las Vegas Locomotives della United Football League. L’anno successivo è entrato a far parte della squadra Atlanta Falcons, per poi essere svincolato nell’estate del 2013.

Brian Banks – La partita del cuore: riassunto e finale

la storia di brian banks
Shivhans Pictures

La storia del film di Brian Banks – La partita del cuore segue l’ex giocatore di football dopo il carcere. Ha 27 anni e sta scontando la libertà vigilata dopo essere stato accusato, 11 anni prima, dalla sua vecchia compagna di classe Kennisha. Quest’ultima ha inventato una storia falsa perché presa dal disprezzo, in quanto Brian era fuggito dopo averla baciata poiché aveva sentito i loro insegnanti avvicinarsi. Sotto consiglio del suo avvocato, il ragazzo non si è opposto alle accuse ed è stato condannato a sei anni di prigione. La sua carriera sembra ormai danneggiata, anche perché deve indossare un braccialetto elettronico e stare lontano più di 600 metri da scuole e luoghi di ritrovo pubblici.

Il fondatore di Innocence Project, Justin Brooks, rivela che il sistema giudiziario chiede nuove prove per riabilitare il nome di Brian. Così viene chiesto ai suoi ex compagni di classe di parlare, ma la loro parola non serve a molto. L’ex giocatore di football improvvisamente riceve una richiesta di amicizia su Facebook proprio dalla sua accusatrice, Kennisha. Così inizia a elaborare un piano con i suoi amici per portarla a confessare la verità.

Riesce a ottenere così una registrazione in cui Kennisha effettivamente ammette di essersi inventata lo stupro. Ma la prova non è ammissibile in tribunale, in quanto la ragazza non sapeva di essere registrata. Brian Banks non si ferma e invia il nastro anche ai media, generando una protesta pubblica. Oltre questo il suo contatto con Kennisha va contro la libertà condizionale. Justin Brooks chiede aiuto al procuratore distrettuale Mateo per preparare un nuovo processo per l’ex giocatore.

Kennisha, però, si rifiuta di testimoniare e racconta di aver ricevuto da Banks un’offerta di 20mila dollari per dire che non l’ha violentata. Mateo e Brooks la affrontano e riescono a convincerla a ritirare questa accusa. Così questo accende i dubbi su quanto accaduto anni prima, tanto che finalmente il giudice si convince a ribaltare la condanna.

Come finisce Brian Banks – La partita del cuore

la storia di brian banks
Shivhans Pictures

Alla fine del film Brian Banks taglia il braccialetto elettronico e si reca in un parco per giocare con alcuni bambini a football. Nel finale si scopre che Pete Carroll, un ex allenatore della University of Southern California, gli ha proposto di accedere a una borsa di studio e l’ha invitato a entrare nella squadra dei Seattle Seahawks. Ma le sue abilità ormai si atrofizzavano per via del lungo periodo trascorso in carcere. Così Banks inizia ad allenarsi in modo costante e riesce a entrare nella squadra Atlanta Falcons.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *