19 Maggio 2024
Curiosità

Perché di notte il cielo è blu scuro? La motivazione spiegata

Vi state chiedendo perché di notte il cielo è blu scuro ed è buio? C’è una motivazione che spiega le dinamiche di questo fenomeno. Può sembrare una cosa banale, invece non lo è. Infatti, in astronomia c’è una spiegazione che fornisce una risposta completa e che finalmente vi chiarirà ogni dubbio. È ovvio pensare che il cielo di notte è blu scuro perché il sole a un certo punto tramonta e così arriva il buio. Ma dietro a questo concetto, c’è un principio studiato in astronomia. La risposta si collega alle teorie fatte dagli scienziati Isaac Newton, Heinrich Wilhelm Olbers ed Edwin Hubble. Vediamo insieme qual è il motivo nel dettaglio.

Perché di notte il cielo diventa blu scuro?

Di notte è buio e molti si chiedono come mai avvenga questo fenomeno. Isaac Newton era convinto che l’universo fosse infinito e quindi caratterizzato dalla presenza di una quantità non definita di stella. Secondo questa teoria, queste stelle sarebbe dovuta arrivare una quantità di luce capace a illuminare tutto l’universo. Ma questa teoria di Newton è sbagliata. A dirlo fu Heinrich Wilhelm Olbers, il quale dimostrò la sua idea elaborando una teoria matematica: anche se l’universo fosse stato finito, le stelle avrebbero dovuto illuminarlo completamente. Eldwm Hubble nell’anno 1929 portò alla luce la sua teoria, secondo la quale l’espansione dell’universo non rende percepibile la luce emessa dalle stelle a occhio umano.

Dunque, effettivamente il cielo è illuminato, ma noi non siamo in grado di poter vedere questa luce. La vista umana non è capace di vedere la luce emessa da determinate lunghezze d’onda. Pertanto, quando il sole tramonta non c’è più luce, perché l’occhio umano non è in grado di percepire la luce delle stelle. Questo, sebbene l’universo sia in realtà illuminato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *