25 Aprile 2024
Storia

Teseo: perché vuole uccidere il Minotauro e abbandona Arianna

Il mito del Minotauro si studia a scuola ed è noto in diverse parti del mondo. Fa parte della mitologia greca e ha come protagonista Teseo, il quale uccise il mostro del labirinto di Creta. Ma chi è questo storico personaggio portato sui banchi di scuola? Si tratta del figlio di Egeo, re di Atene. Il protagonista del mito del Minotauro si offrì volontario per effettuare una spedizione che doveva portare sette giovani e sette ragazze a Creta per essere uccisi dal Minotauro. In realtà, l’obiettivo di Teseo era quello di uccidere il mostro. Ma per quale motivo il protagonista di questo mito greco sentiva la necessità di compiere questo passo?

Mito del Minotauro riassunto: perché Teseo vuole uccidere il mostro

Teseo partì per la spedizione con l’unico intento di uccidere il Minotauro. Ebbene il suo scopo era quello di liberare per sempre Atene dal mostro del labirinto e umiliare i Cretesi. Il protagonista di questo mito greco era un giovane valoroso, convinto nel voler raggiungere il suo scopo. A nulla servivano l’insistenza da parte del padre e dei saggi anziani che cercarono di farlo desistere a intraprendere questa pericolosa impresa. Teseo voleva uccidere il Minotauro per liberare finalmente i cittadini di Atene dalla condanna e dai soprusi portati avanti dai Cretesi. Durante il suo viaggio verso Creta, il coraggioso protagonista non riusciva neppure a dormire, in quanto troppo impegnato a immaginare a come avrebbe potuto affrontare il terribile mostro. Se questo mito vi appassiona, vi consigliamo di leggere tutta la storia con il libro Teseo, il Minotauro e il filo di Arianna.

Dopo il lungo viaggio, Teseo arrivò nel paese nemico con i prigionieri, rabbioso più che mai e pieno di orgoglio. Il suo sguardo attirò l’interesse di Arianna, la principessa figlia del re Minosse di Creta. Quest’ultima si innamorò di lui e gli offrì anche il suo aiuto attraverso un filo da utilizzare per permettergli di percorrere con sicurezza il labirinto. Teseo le promise che l’avrebbe portare con sé ad Atene e che l’avrebbe sposata. Il protagonista riuscì nella sua impresa, uccidendo il Minotauro, a cui ruppe il collo durante una lotta molto intensa. Ma cosa accadde con Arianna?

Perché Teseo abbandona Arianna?

Arianna era una donna molto intelligente, che riuscì a trovare lo stratagemma giusto per permettere a Teseo di ritrovare poi la strada per uscire dal labirinto. Per questo è famoso il Filo di Arianna. Donna coraggiosa e valorosa, si convinse subito a lasciare la sua famiglia e così anche la sua città per andare ad Atena con Teseo. Ma nonostante questo si ritrovò purtroppo tradita dal protagonista della leggenda del Minotauro.

Teseo riuscì a trovare facilmente l’uscita del labirinto grazie al filo che gli aveva legato Arianna. Durante il viaggio verso Atene, i due innamorati concepirono Demofonte, colui che sarebbe diventato re della città greca. Secondo una versione del mito di Arianna, Teseo fece un sogno in cui Dioniso gli chiedeva di lasciargli la sua amata perché la voleva solo per sé. Al risveglio, il protagonista si sentì costretto a esaudire il desiderio del dio e malincuore lasciò Arianna nell’isola di Nasso ancora addormentata. Di notte, Dioniso portò via la ragazza sul monte Drios.

Un’altra versione di questa leggenda racconta, invece, che arrivati ad Atene Teseo dimostrò di non avere alcuna intenzione si sposare Arianna. Per questo, decise di raggiungere l’isola di Nasso, con la scusa di fare rifornimenti di viveri, e lasciò lì la fanciulla mentre dormiva, abbandonandola. Al suo risveglio, la povera Arianna pianse per la disperazione finché non fu udita da Dioniso, il quale la sposò. Come regalo di nozze le regalò un diadema forgiato da Efesto, il dio del fuoco. Si narra che, scagliato in cielo, questo diadema diede origine alla costellazione della Corona Boreale. Dal matrimonio di Arianna e Dioniso nacquero Toante, Stafilo ed Enopione.

Se amate i miti greci, allora vi consigliamo questo libro che racconta varie leggende che vi cattureranno!

Immagine in evidenza su licenzia Filckr (CC BY-NC-SA 2.0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *