21 Febbraio 2024
Film e Serie TVStorie vere

Infinite Storm Netflix, storia vera: chi è Pam Bales e dov’è oggi

Dal 17 gennaio 2024 è disponibile su Netflix Infinite Storm. Si tratta di un nuovo film che vede protagonista Naomi Watts, che interpreta Pam Bales. La pellicola è basata su una storia vera ed è diretta dalla regista polacca Malgorzata Szumowska negli Stati Uniti. La trama segue questa donna che sale sul Monte Washington ed è costretta a tornare indietro, prima di raggiungere la vetta, a causa di una bufera di neve. Mentre scende, Pam incontra uno sconosciuto che è rimasto bloccato e decide di aiutarlo a scendere la montagna prima che giunga la notte.

Infinite Storm su Netflix: di cosa parla

Basato su una vera storia e fatti realmente accaduti, il film Infinite Storm su Netflix inizia con Pam Bales, che è un’infermiera e un’escursionista. Nel corso della trama, vuole raggiungere la vetta del Monte Washington e non si lascia abbattere dalle previsioni meteo. Infatti, crede di essere pronta a qualunque emergenza. Quando è costretta a tornare indietro, si imbatte in un uomo che deve assolutamente salvare. Si tratta di John, il quale è mezzo congelato e quasi incosciente quando lei lo trova. Non si sa come sia arrivato fin lì, ma la cosa certa è che deve scendere dalla montagna prima che le temperature calino nella notte. Ora Pam deve mettere tutta la sua forza in gioco per riuscire a salvare se stessa e John.

La storia vera di Infinite Storm con Naomi Watts

la storia vera di infinite storm
Netflix

Infinite Storm racconta la storia vera di Pam Bales, la quale ha mostrato la sua generosità e il suo coraggio in un momento cruciale. Una donna altruista, che è rimasta bloccata in una situazione davvero pericolosa, per mettere in salvo un’altra persona. Il film è basato su eventi reali avvenuti il 17 ottobre del 2010. I creatori del film si sono presi alcune libertà nella narrazione, ma ogni svolta corrisponde alla realtà dei fatti.

Infinite Storm: chi è Pam Bales e come ha salvato John

Pam Bales lavorava come infermiera e faceva parte del team di ricerca e salvataggio di Pemigewasset, che ha il compito di guidare gli alpinisti che fanno escursioni. Sapeva che le condizioni climatiche non erano delle migliori quel 17 ottobre del 2010. Pam aveva perso due figli in un incidente e non ha mai superato la grave perdita, tanto che non aveva paura della morte. Era perseguitata dal fatto che avrebbe potuto fare qualcosa di diverso per salvarli e si sentiva in colpa, sebbene in realtà non avrebbe potuto fare niente per evitare la tragedia.

Stare in mezzo alla natura per Pam era terapeutico. Un’altra persona probabilmente stava attraversando una situazione simile, ma al contrario suo aveva perso anche la voglia di vivere. Quando Pam ha notato delle impronte di sneakers è rimasta sconvolta, in quanto non riusciva a immaginare che qualcuno potesse essere così sciocco da salire impreparato su una montagna con un tempo così brutto. Questa persona si trovava su quella montagna, ferito e quasi incosciente. Non le ha mai detto il suo nome e così Pam aveva deciso di chiamarlo John. Anche dopo che la storia è stata resa nota, l’uomo ha preferito mantenere segreta la sua identità.

John le ha chiesto più volte di lasciarlo morire, ma Pam l’ha convinto a seguirla. La donna aveva sempre un piano di emergenza, tanto che con lei portava vestiti e calzini in più, che ha fatto indossare all’uomo. Se ciò non fosse accaduto, probabilmente John sarebbe morto. Anche nella vita reale la caviglia di John era gravemente ferita e riusciva a fatica a camminare. Pertanto, per la maggior parte del tempo, Pam ha dovuto reggerlo sulle sue spalle. Non ha abbandonato John, consapevole che lei era la sua unica speranza di sopravvivenza in condizioni climatiche così critiche su una montagna.

Anche la parte in cui Pam ha chiesto a John di cantare una canzone è accaduto nella vita reale, in quanto ha tentato di tenerlo sveglio. Se fosse svenuto, sarebbe stato impossibile per lei portarlo con sé. Era già un miracolo che John riuscisse a stare in piedi dopo essere sopravvissuto a un freddo devastante e per le molte ferite.

Infinite Storm: chi è John nella realtà?

La vera identità di John di Infinite Storm non è mai stata rivelata. Grazie alla determinazione, al coraggio e all’altruismo di Pam Bales è riuscito a sopravvivere. Dopo quanto accaduto, John nella vita reale ha dovuto affrontare un percorso di terapia e ha portato avanti il messaggio legato al coraggio della donna, che gli ha dato modo di tornare a combattere per la sua vita di nuovo. Con una lettera anonima, John ha ringraziato Pam Bales, spiegando che si trovava su quella montagna per porre fine alla sua vita. La donna gli ha fatto capire che, in realtà, non voleva morire e che doveva ancora lottare per vivere, dando importanza alla propria esistenza.

Infinite Storm storia vera: dov’è oggi Pam Bales

la storia vera di infinite storm
Netflix

A 67 anni Pam Bales ha lasciato il New Hampshire. Oggi è una volontaria che opera tra i parchi nazionali che si trovano nella parte occidentale degli Stati Uniti. Dopo l’esperienza vissuta, Pam si è resa conto che la sua vita doveva andare avanti e ha cresciuto quattro bambini. Sia lei che John hanno ritrovato la speranza mentre lottavano per sopravvivere, cambiando per sempre la loro prospettiva sulla vita. Entrambi hanno compreso che la vita può essere difficile, ma che bisogna apprezzare ogni momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *