28 Maggio 2024
Calcio NewsSport

Juventus plusvalenze -15 punti: perché non è tutto perduto

Una stangata pesante per la Juventus: col caso plusvalenze sono 15 punti in meno nella classifica del Campionato di Serie A, che è già stata aggiornata. Il club bianconero si trovava già piazzato nelle prime quattro posizioni, cosa che gli permetteva di avvicinarsi alla prossima edizione di Champions League. Ancora non è perduta la ‘gara’ per la Juve, ma ora sarà davvero complicato sperare di capitare in alto in classifica. Ma non è tutto perduto, attenzione. Certo, dovrebbe tentare l’impossibile, anche perché gareggia contro squadre di buon livello. Tutto è possibile nel mondo del calcio, però sembra improbabile una risalita. Il motivo? Mentre la Juve deve recuperare questi 15 punti persi, le altre squadre vanno avanti e salgono sempre di più. Ma al club bianconero resta comunque una buona possibilità di accedere alla prossima edizione della Champions League, attraverso l’Europa League! Ecco come.

Juventus caso plusvalenze: -15 punti in Serie A

Questa la punizione per il caso plusvalenze legato alla Juventus, che in questi giorni ha ufficializzato il suo nuovo CdA. Ciò avvenuto in quanto i giudici sportivi hanno riaperto il procedimento che si era concluso con l’assoluzione di maggio scorso, accogliendo così l’istanza di revocazione. Questo vale solo per la società bianconera, in quanto gli altri otto club coinvolti non hanno subito lo stesso trattamento (Sampdoria, Empoli, Genoa, Parma, Pisa, Pescara, Pro Vercelli e il vecchio Novara). Sono stati, infatti, tutti prosciolti. Il procuratore generale Giuseppe Chinè aveva chiesto una sanzione di nove punti. Ma in tutto sono 15 i punti in meno, una stangata davvero inattesa decisa dalla Corte federale d’Appello della Figc.

La Corte, che è stata presieduta da Mario Luigi Torsello, ha anche inflitto inibizione dallo svolgimento di attività in ambito Figc per 2 anni e mezzo a Fabio Paratici (ex direttore sportivo), per 2 anni ad Andrea Agnelli (ex presidente) e a Maurizio Arrivabene (ex consigliere di amministrazione), per 1 anni e 4 mesi a Federico Cherubini e per 8 mesi a Pavel Nedved. Anche in questo caso, rispetto alle richieste il giudice ha aumentato la ‘punizione’. L’udienza è stata seguita in diretta dal nuovo presidente Gianluca Ferrero. In collegamento oltre ai legati, presenti anche Cherubini e Paratici.

Anche se la Juventus non riuscirà a posizionarsi nelle prime 4 posizioni della classifica del Campionato di Serie A, avrà ancora una possibilità di partecipare alla prossima edizione della Champions League 2023. Dall’edizione 2017-2018 dell’Europa League la vincitrice va direttamente in Champions League anche se non si è piazzati in campionato nei primi quattro posti.

Juve nella classifica Serie A: come cambia

Da 37 punti la Juve scende così magicamente a 22, lasciando il suo terzo posto. Come cambia ora la classifica del Campionato di Serie A?

  1. Napoli 47
  2. Milan 38
  3. Inter 37
  4. Lazio 34
  5. Atalanta 34
  6. Roma 34
  7. Udinese 25
  8. Torino 23
  9. Fiorentina 23
  10. Bologna 22
  11. Empoli 22
  12. Juventus 22 (-15)
  13. Monza 21
  14. Lecce 20
  15. Spezia 18
  16. Salernitana 18
  17. Sassuolo 16
  18. Sampdoria 9
  19. Hellas Verona 9
  20. Cremonese 7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *