21 Febbraio 2024
Film e Serie TV

Terra Amara anticipazioni, Adnan scompare: chi lo trova

Adnan scompare nelle nuove puntate di Terra Amara. Le anticipazioni turche segnalano che ciò accade quando un gruppo di gitani arriva alla tenuta Yaman per vendere degli oggetti. Sermin lascia il cancello il cancello aperto mentre si mostra interessata ad alcuni tessuti. Intanto, il piccolo Adnan raggiunge i venditori, mentre Fadik è distratta. Il figlio di Zuleyha viene attirato da un tamburello che un bambino tiene in mano. Da questo momento prende inizio la vicenda che porta ancora una volta la Altun a provare grandi preoccupazioni per uno dei suoi figli.

Terra Amara spoiler, Adnan scompare: a trovarlo è Mehmet

Le anticipazioni di Terra Amara segnalano che Adnan fa amicizia con il bambino arrivato di fronte alla tenuta con la sua famiglia di venditori. Il piccolo invita il figlio di Zuleyha a salire sul carretto per continuare a giocare insieme con il tamburello. Ebbene Adnan Yilmaz non si fa pregare e senza pensarci li segue, partendo con i gitani. Fadik e Sermin non si rendono conto del suo allontanamento. Quando torna a casa e si mette alla ricerca di Adnan per dargli un regalo, Zuleyha si accorge della sua scomparsa.

La Altun è disperata e crede che il figlio sia stato rapito da Hakan Gümüşoğlu, ignara del fatto che quest’ultimo è Mehmet Kara. Zuleyha chiede subito a Fikret e Cetin di aiutarla a cercare il bambino. Non appena viene a conoscenza della sparizione di Adnan, Mehmet offre il suo aiuto per ritrovarlo. Ebbene alla fine è proprio lui a trovare il bambino! Mehmet trova Adnan nel campo dei gitani e lo riporta a casa, sano e salvo. Zuleyha è grata al suo socio, per cui nutre ancora più simpatia.

Al contrario, Fikret non reagisce bene di fronte a quanto accaduto, tanto che inizia a pensare che sia stato proprio Mehmet a rapire Adnan per inscenare questa situazione e conquistare Zuleyha. Tra i due ‘rivali’ nasce un acceso scontro, che per fortuna non termina in tragedia. Ma le divergenze tra loro non finiscono qui, anzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *